LA FONTANA DELLA DEA ROMA

testo e foto  di Riccardo Zavatta

 

La fontana detta della "Dea Roma" orna una delle Piazze più famose dell'Urbe: Piazza del Campidoglio.

Il progetto di sistemazione della Piazza di Michelangelo Buonarroti non prevedeva la fontana ma solamente le due statue giacenti del Nilo e del Tevere ai lati di una edicola con nicchia nella quale era alloggiata la statua di Pallade Atena. Bisogna però sottolineare che in quel periodo l'acqua ancora non era disponibile sulla sommità del colle. Sarà Papa Sisto V a portare l' Acqua Felice sul Campidoglio, commissionando subito dopo la costruzione della fontana a Matteo Bartolani da Castello. Il più famoso fontaniere del tempo, Giacomo Della Porta, rifiutò l'incarico preferendo la soluzione michelangiolesca che riteneva poco adatta una fontana per ornare il Palazzo Senatorio.

Secondo il progetto originario le vasche sarebbero dovute essere cinque. Dopo la messa in opera delle prime due, Sisto V ci ripensa e ferma i lavori. Sembra che sia stato Della Porta a far opera di dissuasione con il Pontefice per non far alzare troppo il piano delle vasche che avrebbe alterato la prospettiva della Piazza.

Nel frattempo Sisto V muore e la fontana viene inaugurata nel 1599 così come la vediamo oggi. Nel 1593 fu infatti sostituita la statua di Pallade Atena (conservata ai Musei Capitolini) con una statua della Minerva in porfido rosso e marmo. La nuova statua, detta della "Dea Roma", è di dimensioni non adeguate alle nicchia. Proprio per questo motivo fu collocata sul basamento marmoreo.

I giudizi su questa fontana sono controversi. Molti sono i suoi ammiratori e molti i suoi denigratori. E' diffuso il pensiero che la Piazza avrebbe dovuto rispettare il progetto originale di Michelangelo.

"A voi l'ardua sentenza..."

 


Roma, 3 Maggio  2004

 

clicca per ingrandire

  La statua del "Nilo"

 

clicca per ingrandire

  La Dea Roma

 

clicca per ingrandire

  La statua del "Tevere"

VIATORIS.IT -  Tutti i diritti riservati

Sito amatoriale e non di carattere giornalistico