LA FONTANA DEL TRITONE

testo e foto  di Riccardo Zavatta

 

 

La Fontana del Tritone, ubicata nel centro di Piazza Barberini è considerata la più bella fontana di Roma, il capolavoro di Gian Lorenzo Bernini. Papa Urbano VIII la commissionò al noto architetto nel 1643 per ornare la piazza limitrofa al suo palazzo di famiglia.

Già a quei tempi la piazza aveva la stessa struttura che oggi conosciamo con l'unica differenza che all'imboccatura dell'attuale Via Barberini (aperta successivamente) sorgeva un arco che era l'ingresso del Teatro Barberini che ospitava ben 2.000 spettatori!

La fontana, alimentata dall' Acqua Felice, vede l'introduzione di una innovazione del Bernini: il bordo molto basso con la base di raccolta delle acque cava. Dall'ampia vasca a terra, 4 delfini si innalzano sulla superficie dell'acqua sostenendo una grande conchiglia aperta che a sua volta è la base su cui poggia un possente tritone che suona una chiocciola marina dalla quale fuoriesce un getto d'acqua. Dalla "buccina" l'acqua cade nella conchiglia bivalve e poi scende da due rivoli nella grande vasca di raccolta. Ornano la fontana le chiavi pontificie e le api barberiniane.

La naturalezza del tritone e dei delfini fa sembrare l'insieme un qualcosa di vivo, di animato. I vari elementi sono fusi con estrema armonia rendendo questa fontana un capolavoro mai uguagliato.

Questa piazza, nel corso dei secoli, ha assistito a molti avvenimenti. Ci piace ricordare la festa popolare chiamata "Trionfo delle Fragole" che ogni 13 di giugno aveva come protagonista il rosso frutto e che faceva accorrere davanti alla nostra fontana migliaia di romani.

Chiudiamo con una rima del grande poeta Gabriele D'Annunzio dedicata alla Fontana del Tritone:

Su la Piazza Barberini,
s'apre il ciel, zaffiro e schietto.
Il Triton de'Barberini,
leva candido il suo petto.
 


Roma, 10 Gennaio  2004

 

 

 

clicca per ingrandire

  La fontana del Tritone

 

 

 

 

clicca per ingrandire

  Particolare dei delfinii

 

VIATORIS.IT -  Tutti i diritti riservati

Sito amatoriale e non di carattere giornalistico