AMREF: CAMPAGNA PER IL NATALE 2003

a cura di Riccardo Zavatta - immagini per gentile concessione di AMREF ITALIA

Carissimi lettori, da circa due anni conosco e cerco di diffondere il messaggio lanciato da questa Associazione ed ho pensato di parlarne sulla nostra "rubrica" ONLUS (cosa che avevo già fatto lo scorso anno sul quotidiano on-line Momento Sera ).

Anche in occasione del Natale 2003, abbiamo la possibilità di sostenere i progetti dell’Associazione “acquistando” ad esempio il  calendario 2004 (quest'anno dedicato ai Flying Doctors), il tagliacarte artigianale africano oppure il set di cartoline augurali natalizie. Per maggiori dettagli consiglio vivamente di andare in questa sezione del sito:


 

Tra i diversi progetti di AMREF ricordiamo:

AMREF nella scuola: questo progetto è attivo dal 1997 in 10 scuole del Kenya. E’ stata scelta questa nazione perché più della metà della sua popolazione è sotto i 18 anni di età (parliamo di circa 16 milioni di giovani) e sono pochissimi quelli che possono permettersi di andare a scuola. I motivi sono diversi: il primo fra tutti è lo scarsissimo reddito (molti non raggiungono neanche un dollaro/giorno…) ed inoltre le scuole locali non hanno materiali didattici (dato l’alto costo…).

L’Associazione ha iniziato interventi di ristrutturazione degli edifici scolastici esistenti, ha messo in piedi programmi di assistenza medica e di educazione sanitaria per gli alunni e gli insegnanti, incentivato forme di gemellaggio tra scuole keniane ed italiane, programmi di vaccinazione per gli stessi.

Questo è molto importante, soprattutto perché la metà delle malattie che colpiscono questa fascia di popolazione sono prevenibili con una corretta politica igienico-sanitaria.

AMREF porta l’acqua:  questo progetto mira a far migliorare in maniera netta le condizioni di vita delle popolazioni delle regioni di Makueni, Kitui e Kajiado . In queste zone il clima è caldo secco e la media annuale di piogge è di circa 500-600 mm . Le sorgenti d’acqua sono poche e molto lontane tra loro. Spesso le donne sono impegnate 8-10 ore al giorno nella ricerca di fonti d’acqua per poter soddisfare i bisogni dei propri nuclei familiari. A causa della siccità avvengono molte morti e, spesso, i raccolti vanno distrutti.

Nel programma, oltre a trovare nuove fonti d’acqua, verranno costruiti servizi igienico-sanitari (latrine), verranno incentivate le popolazioni a piantare colture compatibili con la natura del suolo e verranno formati gruppi di lavoro in cui le donne avranno un proprio ruolo.

In questo modo verrà ridotta anche la malaria in queste zone.

AMREF ha il “Flying doctor”: dal sito AMREF si apprende che in tutta l’africa operano appena 8 medici e 32 infermieri ogni 100.000 abitanti. Inoltre, il 90% è concentrato nei grandi centri urbani mentre il 70% della popolazione vive nei centri rurali spesso molto distanti da questi.

E’ per questi motivi che questo progetto assume un ruolo fondamentale per il miglioramento delle condizioni di vita in Africa.

Il progetto (S.O.S.), chiamato “servizio di specialisti per le aree remote” , garantisce un prezioso servizio di assistenza specialistica ad una rete di circa 80 ospedali, missionari o distrettuali, tra i più isolati e carenti di personale.

I pazienti visitati ogni anno dai Flying doctors sono circa 100.000 e gli interventi chirurgici effettuati sono circa 2.500. L’AMREF dispone di una flotta di 5 aerei leggeri e le attività sono coordinate via radio.

Per tutte le altre attività, che per la brevità dello spazio disponibile non elenchiamo per intero, rimandiamo al sito ufficiale dell’AMREF ( www.amref.it ).  Ricordate l’interessante iniziativa per Natale 2003: con un piccolo gesto possiamo fare molto!


Roma, 22 Settembre 2003

 

AMREF Italia
 Via Settembrini 30
 00195 Roma
Tel. 06 320 22 22
- info@amref.it


c/c postale n. 35023001


Sede regionale
:
Sito della Guastalla 3
 20100 Milano
Tel. 02 54 10 75 66

 

Le cartoline del Natale 2003
 

 

 

 

Amref porta l'acqua !

 

 

Amref ha i Flying doctor !

VIATORIS.IT -  Tutti i diritti riservati

Sito amatoriale e non di carattere giornalistico